PAROLA SÌ O PAROLA NO?

Spesso mi chiedo quale sia il valore delle parole… voi che ne pensate? Secondo me le parole sono importanti perché parlare può essere la soluzione per risolvere un problema, parlare può essere il modo per comunicare quello che si pensa e si prova. Come un poeta scrive e usa parole che vengono dal cuore, così un pittore usa i suoi colori, un musicista la voce e le mani… le parole ormai sono scontate ma non sempre sbagliate. Ormai un “ti amo” è banale… le persone vogliono di più… e sebbene certamente sguardi d’intesa e baci passionali comunichino ben di più, anche un “ti amo” resta piacevole. Penso che le parole, se usate nel modo giusto, possano far star meglio gli altri… le parole giuste al momento giusto salvano l’anima. Certo, spesso le persone non utilizzano le parole nel modo corretto infatti feriscono e aggirano attraverso di esse… ma basta usarle nel modo giusto, cioè per far del bene, che ecco! Le parole diventano magia!

Poi pensate, ogni essere umano ha qualcosa che lo caratterizza… usiamo toni di voce diversi, diciamo le parole a modo nostro, con il nostro ritmo; usiamo parole che altri non usano, inventiamo parole nuove! La lingua e in continua evoluzione ed è una cosa straordinaria. Poi pensiamo a tutte le lingue e i dialetti che esistono! Vi rendete conto di quante parole ci siano a questo mondo? Eppure spesso per paura di essere derisi per ciò che diciamo, stiamo zitti. E invece usiamole queste parole!! Io preferisco gridare al mondo quel che penso, anche se il mondo mi troverà strana, piuttosto che nascondermi dietro il silenzio. Certo potrei fare qualche gesto ma delle parole ben pensate e dette con il cuore valgono di più!

Pensate poi a tutti gli scrittori, poeti, letterati, filosofi… nelle loro parole è nascosto il sapere ma anche i sentimenti, le emozioni, la loro anima! Spesso le parole, dette a voce o scritte, sono l’unico mezzo per farsi ascoltare. Usiamo le parole con la mente e con il cuore e sicuramente qualcuno ci ascolterà.

Annunci

Ogni rondine al guinzaglio

Che ne pensate voi dell’amore? Si so che è uno di quegli argomenti di cui tutti parlano e probabilmente siete anche stanchi di sentirne parlare così tanto… mi sono accorta che praticamente ogni canzone parla d’amore!! Ma siamo matti?! Oppure ne parlano così tanto perché è una cosa importante? Beh io come tutti sono stata ferita da qualcuno e sono arrivata ad un punto in cui dicevo “basta, l’amore non fa per me, l’amore è una cosa orribile”. Però poi ho incontrato una persona, completamente diversa da colui che mi aveva spezzato il cuore, una persona con un cuore profondo e di una dolcezza straordinaria, una persona che mi fa battere il cuore tanto tanto e che mi fa sorridere in ogni momento in cui sta con me! Dal momento che ho conosciuto lui, tutto è cambiato… l’amore che prima mi faceva paura e schifo, poi mi è sembrato come un tramonto sulla spiaggia, uno di quei tramonti tutti colorati, con un bel venticello fresco e la sabbia ancora tiepida per la giornata troppo calda… ora ogni volta che vedo il suo viso, ogni volta che lo stringo a me mi sento a casa, mi sento in pace… perché vede oltre ogni mio difetto e mi ama comunque per quella che sono. Quindi se avete il cuore spezzato non disperate… non voglio dire che con il tempo il dolore sparirà ma posso dire che se aspetterete, la vita che ora vi sembra una merda, migliorerà, tutto migliora se avete il coraggio di continuare e non perdere la speranza. Detto questo “rondini al guinzaglio” è una canzone di Ultimo… ascoltatela perché è stupenda davvero, anche se è comunque un’altra canzone d’amore. Non perdete la speranza di essere amati sul serio! C’è qualcuno là fuori che cerca proprio voi, solo che magari ancora non vi conosce🤗

Se si potesse non morire

“Se si potesse non morire” è il titolo di una canzone dei Modà, un gruppo italiano che a mio parere fa canzoni stupende. Questa però è una delle mie preferite perché parla di come sarebbe bello il mondo se “i baci si potessero mangiare così ci sarebbe un po’ più amore e meno fame” e “se le stelle si vedessero con il sole”, se si potesse dormire al buio senza più paure”. Questo è un testo che mi ha sempre toccato l’anima… perché noi esseri umani abbiamo perso la nostra umanità?! Stiamo a litigare su cose così futili… proprietà, soldi non sono tutto nella vita, ormai ce lo siamo dimenticati… perché non pensare solo alle persone a cui vogliamo bene, perché non pensare solo a ciò che ci rende felici senza stare a perdere tempo per litigare e portare rancore! Come dice Checco, il cantante dei Modà “t’immagini se invece si potesse non morire”… però non è così, siamo mortali destinati a lasciare la Terra in poco tempo. Allora basta fare gli egoisti e gli egocentrici, pensiamo solo a goderci ciò che abbiamo! Lo chiedo a voi, non siete stanchi di tutto questo? Stanchi di sentir parlare solo di guerre e morti? Non sarebbe stupendo accendere la tv e sentire al tg che tutto va bene? So che questa forse è solo un’utopia ma so che al mondo ci sono ancora persone che ci credono e io sono tra quelle… però come tutto, penso che per rendere il mondo un posto migliore bisogni cominciare da sé… quindi sebbene ci siano momenti di stress, rabbia e tristezza, invece di rovinarsi così la giornata proviamo semplicemente a mettere una bella canzone e sorridere… nessuno può rovinare un sorriso. Godiamoci giorno per giorno quello che abbiamo.

MISCUGLIO DI POESIE!

Oggi ho voglia di condividere un po’ di poesie e filastrocche scritte da me… non siate troppo cattivi con i commenti perché non sono un’esperta! Mi lascio solo trasportare dall’ispirazione.

LE BUONE MANIERE DI ZIO PAOLO

Mio zio Paolo tutto il giorno si lamentava, di chi a suo parer rispetto non portava. “Togliti il berretto!” ai bambini gridava, anche se era freddo e fuori nevicava. E intanto si compiaceva di essere colto ed educato anche se in realtà era abbastanza indelicato. Spesso di me si vergognava perché dicevo “Salve” alla gente che passava. In più benché lui si vestisse da barbone “quella sembra una strega!” commentava di altre persone. A fare battute infatti si divertiva ma infondo erano infantili e solo lui le capiva. Della sua grande mente spesso si vantava anche se molto intelligente in realtà a me non sembrava. Poco altro da sapere sul suo conto, in realtà con zio Paolo non ho parlato molto, ma per lo meno da tutto questo ho imparato che davanti a chiunque il rispetto va portato. Quindi grazie a zio Paolo per quando mi ha sgridato perché almeno ora non sono come lui e non spreco fiato.

STAGIONI

I sentimenti cambiano, passano via come le stagioni. Col tempo si dice, col tempi il dolore sparirà. Ebbene come può sparire il dolore per aver perso la cosa più bella della vita? Come posso sentire il profumo dei fiori in inverno? Tu eri e sarai sempre la mia primavera, ma io non sono la tua. Rimango bloccata tra passato e presente e il dolore non se ne va.

GIOIA PURA GIOIA!

Gioia pura gioia! Tu che riempi le mie giornate d’amor vero e sincero, tu che riempi i miei occhi stanchi di sguardi affettuosi, tu che riempi il mio cuor tempestato di una pace assoluta. In tutto questo sento che il passato non mi tormenta più, anzi nella mente mi affiora il pensiero di un futuro felice con te e allora io sorrido.

Quindi questi sono i miei scritti! So che non sono chissà cosa ma spero comunque che vi abbiano fatto piacere

Franco… il mio lievito acido naturale!

Chi non ama il profumo delicato del pane appena sfornato?! E quell’impasto morbido con tanto pomodoro e mozzarella abbracciato da una crosta croccante?!😍 Insomma, vorrei trovare anche solo una persona a cui non piaccia pane e pizza!! Io personalmente amo questi cibi e ho cominciato a farli in casa!

Per chi di voi non lo sapesse il “lievito acido naturale”chiamato anche “lievito madre” è un impasto di farina e acqua contaminato spontaneamente da microorganismi provenienti nell’aria e nell’ambiente circostante… questi microorganismi se ne nutrono e ci rimangono dentro diventando gli agenti lievitanti del nostro impasto. Che forte no?! La natura è sorprendente!!

La mia scoperta del lievito madre è avvenuta circa 1 anno e mezzo fa; sapevo già cos’era ma non avevo mai provato a farla prima di allora… molti siti dicevano che la prima volta avrebbe potuto morire perché era un procedimento complesso che non sempre funziona… invece al primo colpo sono riuscita a dare vita al mio Franco! Non chiedetemi perché l’ho chiamato così ma mi piaceva come nome… fatto sta che ora Franco ha più di 1 anno e sta ancora benissimo! Il bello del lievito madre è proprio questo: non muore; con cure e attenzioni è praticamente immortale ecco perché in certe famiglie passa da generazione in generazione.

Il primo impasto che ho fatto in realtà è nato abbastanza a caso… se cercate le ricette su internet sono tutte diverse:

https://ricette.giallozafferano.it/Lievito-madre.html

http://www.lievitonaturale.org/lievito_madre.php

https://www.misya.info/guide/come-fare-il-lievito-madre

Quindi io mi sono lasciata guidare dal mio istinto e ho fatto a modo mio… una dose di farina manitoba, metà di acqua e 1 cucchiaio di miele perché per attirare i lieviti serve qualcosa di dolce. Messo dentro un barattolo di vetro e lasciato accanto ad una ciotola di mele perché le mele essendo dolci attirano i microorganismi e fanno lievitare meglio l’impasto! Lo rinfrescavo, quindi lo reimpastavo una volta al giorno per una settimana, poi ho cominciato a metterlo in frigo e quindi lasciandolo in frigo si può rinfrescare una volta alla settimana, fuori invece una volta ogni 2 giorni… vi conviene il frigo se siete indaffarati!

Sappiate che per il rinfresco e il bagnetto del lievito madre ogni sito dice le stesse cose e il metodo è sempre lo stesso! 1 dose di lievito 1 dose di farina e metà di acqua, mescolare il tutto fino a rendere omogeneo l’impasto, mettere nel vaso di vetro e lasciarlo fuori dal frigo a riattivare per 2-3 ore, poi rimetterlo in frigo.

Per il bagnetto da fare quando l’impasto ha odore acido serve una ciotola d’acqua tiepida e un cucchiaio di zucchero. Bisogna spezzettare l’impasto e metterlo dentro. Lasciare a mollo per 30 minuti, poi strizzare, estrarre e rinfrescare normalmente (con un po’ meno acqua però).

Io con Franco ci faccio pane, pizza e focaccia! Il lievito madre è un vantaggio in quanto sia molto digeribile e leggero! Inoltre dà un gusto buonissimo e gli aromi sprigionati sono fantastici! E la crosta è bella croccante!

Devo dire però che ancora dopo un anno sperimento… non ho trovato la ricetta perfetta e sono sempre alla ricerca di nuovi impasti. Inoltre ricordate che questo è un metodo casalingo, non professionale ma sappiate che gli alimenti vengono comunque fuori buonissimi. Provare per credere!😋